Elba

Conformazione geografica

Con i suoi 223,5 km² L’Elba è, dopo la Sicilia e la Sardegna, la terza isola più grande d’Italia ed, insieme alle isole Giglio, Giannutri, Montecristo, Pianosa, Capraia e Gorgona, costituisce l’Arcipelago Toscano.

Se messa a confronto con la storia della terra, l´Elba è un’isola relativamente giovane perché, fino a 70 milioni di anni fa, era parte del fondo del mare e coperta da enormi strati di sedimenti che, ancora oggi, segnano il carattere del paesaggio. L’Elba deve la sua nascita alle forze potenti del fuoco che, circa 40 milioni di anni fa, plasmarono i contorni dell’isola: un magma liquido si è sollevato dall’interno della terra, gli strati rocciosi superiori si sono inarcati e le prime punte sono fuoriuscite dal mare.
Nel corso della successiva trasformazione tettonica, l´epoca glaciale, quando il livello del mare è sceso drasticamente, l’Elba ha costituito più volte con la terraferma, attualmente distante circa 10 km, una massa unica finché, circa 12.000 anni fa, si é definitivamente formata un’isola. Con la sua molteplicità di coste meravigliose l’Elba è un’amata meta di vacanze che ha anche molto da offrire agli amanti della natura, agli escursionisti ed agli appassionati di mountain bike e di trekking.

 

 

Fauna

Con l’istituzione del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, una vacanza all’isola d’Elba può diventare l´occasione per avvicinarsi alla natura e conoscere la flora e la fauna che popolano i boschi maestosi e la macchia selvaggia. Ampie zone, un tempo coltivate, sono diventate con il tempo selvagge ed offrono oggi un rifugio sicuro a numerosissimi tipi di animali.
Tra i rettili, oltre alla comune lucertola, balza agli occhi a causa delle sue dimensioni (più di 40 cm di lunghezza) e del suo dorso color verde brillante il ramarro. I suoi movimenti sono fulminei, si nutre di insetti ed è del tutto innocuo per l’uomo.
Il più grosso mammifero vivente sull’isola é il cinghiale: con le sue lunghe zanne ed il suo peso che può superare il quintale, è il vero signore della macchia. Introdotto all’Elba nel 1963 per popolare le zone di caccia, vive oggi in zone sparse sull’intera isola. Un altro grande mammifero portato sull´isola verso la metà degli anni 70 è il muflone, una specie di pecora selvatica proveniente dalla Sardegna e della Corsica. Animale robusto che vive sulle pendici del monte Capanne si trova a suo agio anche nelle zone più impervie.
Tra gli animali selvatici l´unico carnivoro sull’isola d’Elba è la martora: più piccola di un gatto domestico ma altrettanto agile, vive nascosta e si muove solo nelle ore notturne, perciò, raramente, la si può osservare libera nel suo ambiente naturale.
Il ghiro è a casa nei boschi più fitti, il suo lungo e profondo letargo ne giustifica la sua fama di proverbiale dormiglione. Nelle zone più disparate incontriamo le lepri, mentre i conigli selvatici sono ormai estinti da molti anni.
Tra gli uccelli che vivono qui tutto l’anno merita una particolare considerazione il gabbiano reale che nidifica lungo le coste rocciose. Sulla Costa dei Gabbiani, vicino Capoliveri, si trova una delle più grandi colonie di gabbiani reali di tutto il mar Tirreno. In primavera, nel periodo dei primi passi e dei primi voli, si possono vedere numerosi tipi di uccelli. Nei canneti e nelle poche zone umide rimaste, come per esempio nei pressi di Mola, si possono ancora ammirare i grandi aironi, le graziose garzette, le anatre ed altri tipi di uccelli di palude. In estate possiamo trovare tra le grotte situate alle pendici del monte Perone, intorno a San Pietro e a Sant’Ilario, il gruccione, che per i colori lucenti ed incredibilmente belli del suo piumaggio, è uno dei più begli uccelli d’Europa. Un’altro rapace presente sull’isola d’Elba è il barbagianni che possiamo osservare principalmente di notte a caccia di topi e di ratti.

 

Flora

In primavera l’isola d’Elba fiorisce in molteplici colori: ginestra, rosmarino, cisto, lavanda, mimosa ed erica offrono uno fantastico scenario fatto di mille colori e, su tutta l’isola, si spande un’incantevole miscela di profumi. Dove oggi si trovano alti cespugli nell’antichità si estendevano boschi imponenti, il cui legno fu sfruttato dagli abitanti per alimentare i forni delle fonderie, per la costruzione di navi, di case o per usi militari. Sui versanti disboscati si è formato rapidamente un tappeto verde di fitti cespugli o boschi impenetrabili di 2-3 m di altezza, i cui terreni sono coperti da liane e da piante rampicanti.
Nel corso del tempo piante ed arbusti della macchia si sono adeguati alle dure condizioni di vita: con l´azione del sole, le piccole foglie di alcune di esse volte si sono spesso sviluppate in spine o aghi. Nel bosco o lungo i sentieri si trovano arbusti i cui frutti sono spesso commestibili, ad esempio quelli del corbezzolo, e tutte le spezie usate nella cucina dell’isola, come origano, salvia, timo, menta, finocchio e rosmarino. Nei mesi estivi, quando per il calore gli oli essenziali vengono liberati, si diffonde sull’isola un profumo aspro che ne costituisce una delle caratteristiche principali.

 

Tempo libero

Passeggiate ed escursioni
Lontano dalle strade più trafficate, l’Elba offre un’indimenticabile esperienza a contatto diretto con la natura. I sentieri ben tracciati e segnalati, le viste spettacolari sulle dolci colline, i borghi idilliaci ed il mare blu fanno dell’isola un paradiso delle escursioni. Il paesaggio, ricco di sfaccettature, attrae, in ogni stagione dell’anno, gli amanti della natura. Percorrendo antichi sentieri, pietrose salite o accoglienti sentieri forestali si giunge in remote zone solitarie, oasi di silenzio e tranquillità.

In bicicletta
Agli appassionati di bicicletta l’isola d’Elba regala magnifici percorsi nel suo entroterra fatto di macchia selvaggia e rocce imponenti. Accanto ai sentieri nei boschi, alle piste e a strette strade asfaltate, antichi viottoli e vie di collegamento tra i borghi offrono oggi eccellenti percorsi. Magnifiche viste ricompensano le salite mozzafiato che la topografia dell’isola presenta continuamente. Il verde paesaggio montano dell’Elba, con le affascinanti catene montuose e le discese verso il mare, offre un fantastico territorio per le passeggiate in bicicletta sia ai professionisti che ai meno esperti.
Nell’ambito di escursioni giornaliere organizzate, guide locali accompagnano tutti coloro che lo desiderano attraverso percorsi con diverso grado di difficoltà sull’affascinante isola.


Vela
Il mare dell’Arcipelago Toscano offre tantissime possibilità per la pratica della vela. I numerosi e ben attrezzati porti fanno dell’Elba uno degli obiettivi ideali per i velisti: qui il vento soffia prevalentemente da sud-est (scirocco) e difficilmente è forte. Durante il periodo estivo si alterna, nelle ore pomeridiane, con il più fresco maestrale (nord-ovest), che contribuisce a rendere meno afose e più piacevoli le giornate trascorse in mare. Venti meno frequenti sono sicuramente il libeccio (sud-ovest) ed il ponente (ovest), mentre la tramontana (nord) ed il grecale (nord-est) sono praticamente inesistenti.

I principianti possono veleggiare nelle innumerevoli insenature protette, mentre i più esperti possono effettuare altri percorsi come ad esempio la traversata verso la Corsica.
E´anche possibile intraprendere affascinanti navigazioni sia nell’ambito di regate a vela organizzate, sia con imbarcazioni private, catamarani o yachts noleggiati. Per chi invece preferisce navigare con piccole imbarcazioni come il kajak, la canoa, la barca a remi o il pedalò può effettuare magnifiche gite in mare.


Immersioni
Con una visuale che può superare i 30 m di profondità, il mare blu dell´isola d´Elba offre sia a chi nuota con il respiratore che ai subacquei emozioni indimenticabili . La costa piena è di fenditure, scogliere e potenti pareti scoscese e distese di magnifiche gorgonie che fanno da cornice alle immersioni nel magnifico mondo marino del Mediterraneo. Inoltre, si può avere la fortuna di incontrare diverse specie di pesci tra cui barracuda, aragoste, murene, calamari o l’affascinante pesce monaco.


Windsurf, sci d’acqua e navigazione a motore

Gli appassionati di windsurf, di surf o di sci d’acqua, trovano nell’Arcipelago Toscano ed, in alcuni luoghi della costa continentale, le loro mete ideali. Per chi arriva con la propria imbarcazione o ne noleggia una, sono presenti sull’isola diversi cantieri navali e porti nei quali trovano posto sia le piccole le imbarcazioni a motore quelle di notevoli dimensioni. Inoltre, anche i piccoli paesi lungo la costa mettono a disposizione i loro approdi.